Durante l’allattamento si può ovulare anche senza avere le mestruazioni. E capita più spesso di quanto si pensi.

Ebbene sì, durante l’allattamento si può rimanere incinta. Il fatto non è frequentissimo, anche perché i livelli di prolattina, pur non impedendo sempre l’ovulazione, possono comunque alterarne la qualità, rendendo l’ovocita meno abile alla fertilizzazione. Però succede.

Per capirlo bisogna pensare al fatto che ciclo mestruale e ciclo ovarico, cioè l’attività dell’ovaio, non sono la stessa cosa. Proprio per questo, soprattutto quando le poppate cominciano a ridursi a 4-5 volte al giorno, è possibile ovulare senza che poi segua un regolare ciclo mestruale. Durante l’allattamento l’ovulazione può non essere regolare tutti i mesi, anzi, è spesso occasionale e imprevedibile.

Il problema è che a causa dell’alterato equilibrio ormonale non è possibile prevedere se e quando è avvenuta un’ovulazione basandosi solo sulle normali “percezioni” come l’aumento della temperatura corporea (che in corso di allattamento è già alterata) o la fluidificazione del muco cervicale.

Per capire quali sono i giorni fertili e il momento in cui si verifica l’ovulazione ci si deve basare sul picco di LH rilevato dagli stick sulle urine, ma anche qui c’è un problema: non avendo un ciclo mestruale non è possibile stabilire quale è il momento giusto per iniziare ad utilizzare gli stick e verificare una eventuale positivizzazione.

Insomma, il presunto periodo fertile – se c’è – è difficile da trovare. Quindi il consiglio per chi cerca una nuova gravidanza è quello di avere rapporti regolari 2-3 volte la settimana anziché concentrati in un breve periodo. Per chi non la cerca, è quello di utilizzare un metodo anticoncezionale compatibile con l’allattamento in corso.

Corman S.P.A

Corman S.p.A Via liguria 3/B - 20084 Lacchiarella


Iltuouniversodonna.it è il sito promosso da Corman rivolto alle donne, con l'obbiettivo di diffondere una vera cultura del benessere femminile.