Scoprire se sei incinta dopo un ritardo delle mestruazioni (o magari anche prima) è semplice con un test di gravidanza attendibile. Ma quanti tipi di test esistono e come funzionano?

I test di gravidanza misurano la presenza nell’organismo della Gonadotropina Corionica Umana o Beta hCG, il cosiddetto ormone della gravidanza. Il soprannome non è dato a caso; questo ormone è assente nelle donne non fecondate ed è prodotto dai tessuti che daranno origine alla placenta. Le Beta hCG sono fondamentali per innescare le prime fasi della gravidanza e per questo, vengono prodotte in grandi quantità dall’organismo; in questo modo si creerà l’ambiente ideale per la crescita dell’embrione. Se vi state chiedendo dopo quanto fare il test di gravidanza, continuate a leggere e sappiate che non è necessario aspettare i primi sintomi ma solo i tempi fisiologici che permettono ai test di essere affidabili.

I TIPI DI TEST DI GRAVIDANZA

Se si è in cerca di risposte certe, meglio evitare di affidarsi a metodi casalinghi per sapere se sei incinta; meglio la scienza. Il primo metodo per scoprire se si è in dolce attesa è avvalersi di un test di gravidanza urinario fai da te. Si tratta di una sorta di casalingo esame delle urine per la gravidanza in strisce reattive che rilevano la concentrazione di Beta hCG. Per ottenere un risultato è sufficiente che il test di gravidanza entri in contatto con il flusso di urina o sia immerso in un contenitore sterile per qualche secondo.

Ma anche dalle analisi del sangue si vede se sei incinta! Anzi, l’esame ematico delle Beta hCG è il test più attendibile per rilevare una gravidanza. Questo esame può essere quantitativo, dando una risposta positiva o negativa alla domanda “sono incinta?”, oppure qualitativo, in grado di offrire una stima, attraverso la quantità di ormone nel sangue, del tempo intercorso tra il test di gravidanza e la fecondazione.

QUANDO FARE IL TEST DI GRAVIDANZA

Spesso ci si chiede dopo quanti giorni fare il test di gravidanza dopo un rapporto. Sebbene le Beta hCG vengano prodotte quasi subito dopo la fecondazione, è necessario un po’ di tempo perché si presentino in quantità rilevabili per un test di gravidanza positivo. Se hai un ciclo regolare di 28 giorni il test di gravidanza può essere fatto dal primo giorno di ritardo delle mestruazioni che dovrebbe corrispondere a circa 7 giorni dall’annidamento nell’utero dell’ovulo fecondato e a 14 dal concepimento. Per i cicli irregolari meglio attendere qualche giorno in più di ritardo. Le confezioni di test di gravidanza in commercio spesso contengono due strisce in modo da permettere una ripetizione dell’esame anche a distanza di qualche giorno. Si può anche effettuare un test di gravidanza prima del ritardo grazie ai cosiddetti test precoci di gravidanza. Questi stick si presentano esattamente come gli altri ma hanno una sensibilità elevata alla presenza di Beta hCG fino a 5 giorni prima della mestruazione. Se si sospetta una gravidanza dopo un rapporto è bene fare un test anche se compaiono delle perdite che possono somigliare al ciclo. Infatti è possibile che si tratti delle cosiddette “perdite da impianto” che nulla hanno a che vedere con le normali mestruazioni.

COME SI FA IL TEST DI GRAVIDANZA

Le istruzioni sono più o meno le stesse per tutte le marche. Ogni stick è dotato di un’impugnatura e di un’estremità sensibile. Per effettuare il test di gravidanza è sufficiente esporre l’estremità reattiva al flusso di urina per qualche secondo e aspettare qualche minuto che compaia il risultato. Ma quando farlo mattina o sera? È meglio effettuare il test di gravidanza di mattina, quando la concentrazione ormonale è più alta, evitare di assumere un’eccessiva quantità di liquidi nel periodo precedente (così da evitare diluizioni). In ogni caso, questi prodotti sono molto sensibili ed è possibile ottenere il risultato anche effettuando il test di gravidanza la sera o in altri momenti della giornata.

COME SI LEGGE UN TEST DI GRAVIDANZA

I test di gravidanza più comuni hanno una piccola finestra dove compariranno due lineette se il risultato è positivo oppure una linea se il test di gravidanza è negativo. Il concepimento è certo anche se la seconda linea appare di colore tenue. I test di gravidanza più moderni hanno anche visori in grado di mostrare il risultato per iscritto “sei incinta” o “non sei incinta” o tramite una faccina sorridente o triste in modo da evitare errori di interpretazione.

QUANTO SONO AFFIDABILI I TEST FAI DA TE?

Gli stick in commercio sono affidabili al 98-99% e molto raramente il test di gravidanza può sbagliare comunicando un falso negativo (dicono che non sei incinta quando in verità lo sei), questo può accadere se:

  • Il test di gravidanza viene effettuato troppo presto senza rispettare il tempo minimo in cui le Beta hCG sono rilevabili.
  • Test di gravidanza scaduto, difettoso o conservato in un luogo inadatto
  • Il test di gravidanza è immerso in un contenitore non sterile che contiene residui di sostanze che possono alterare il risultato, come saponi e disinfettanti.
  • L’urina è troppo diluita perché si è bevuta troppa acqua nell’intervallo precedente al test di gravidanza oppure si assumono diuretici.
  • Si assumono farmaci che possono interferire
  • È in corso una gravidanza extrauterina

Ancora più raro è il risultato di un test di gravidanza falso positivo, anche in questo caso dovuto alla contaminazione di altre sostanze che possono alterare la sensibilità delle strisce reagenti, l’uso di alcuni farmaci o l’uso dello stick dopo la scadenza.

 

A differenza di quello che si dice l’assunzione della pillola del giorno dopo non interferisce con il risultato del test di gravidanza perché non ha il potere di interrompere una fecondazione già avvenuta ma solo di evitare che avvenga.

Consigliati per te:
Corman S.P.A

Corman S.p.A Via liguria 3/B - 20084 Lacchiarella