Conoscere il vostro calendario mestruale è necessario per imparare a conoscersi e capire come prendersi cura di sé in tutte le circostanze.

Se sul vostro ciclo navigate a vista abbiamo una notizia per voi: non è una buona idea!
Conoscere il vostro calendario mestruale non è importante solo se volete un figlio o al contrario volete evitare sorprese, ma è necessario per imparare a conoscersi e capire come prendersi cura di sé in tutte le circostanze.
La seconda notizia che abbiamo è che capire come si contano i giorni del ciclo è davvero un gioco da ragazze! Quindi non serve che andiate a rispolverare le equazioni, basterà solo avere sotto mano un calendario e una penna (che servirà anzitutto a darvi un’aria concentrata).

PRIMA DI COMINCIARE

Facciamo un ripassino. Quando si parla di ciclo non si parla solo dei giorni delle perdite di sangue (quelle sono le mestruazioni e durano dai 3 ai 7 giorni) ma di tutto l’intero processo – appunto – ciclico che stabilisce la fertilità di una donna. Quindi, in pratica, il ciclo è sempre. Fino alla menopausa. Le risposte alle varie fasi hanno punti in comune tra tutte le donne ma anche temi molto soggettivi e più vi sarà chiaro come certe reazioni del vostro corpo si dispongono nel tempo, più saprete come aiutarvi.

COME FARE UN CALENDARIO MESTRUALE

Pronte? Iniziamo, dall’inizio, ovviamente. Un ciclo mestruale intero dura circa 28 giorni e si calcola dal primo giorno di flusso al giorno prima dell’inizio della mestruazione successiva.
Molte donne non hanno un ciclo di 28 giorni ma più breve o più lungo. Una frequenza normale, comunque, dovrebbe stare tra i 25 e i 36 giorni. Può esistere una certa variabilità tra mese e mese anche se un ciclo per considerarsi regolare non dovrebbe avere uno scarto tra una mestruazione e l’altra di oltre 4 giorni. Il ciclo può essere diviso in 2 fasi. La prima è quella che prepara la cellula uovo e ha il suo picco nell’ovulazione, la seconda, che inaugura il periodo più fertile del mese è quella che dovrebbe preparare il corpo alla gravidanza. Se l’uovo non viene fecondato la parete uterina si sfalda causando la mestruazione successiva.

Ricapitolando:  se la mestruazione comincia il 1 giugno, a seconda della lunghezza media del tuo ciclo il flusso dovrebbe tornare tra il 24 di giugno e il 6 di luglio, se il ciclo è fisiologico il 28. Il periodo più fertile sarà intorno al 14 di giugno. Per aiutarvi a tenere le cose sotto controllo ci sono anche moltissime applicazioni da scaricare sul vostro smartphone. Questo è proprio uno di quei casi in cui la tecnologia aiuta!

COME CALCOLARE UN CICLO IRREGOLARE

Se il vostro ciclo è irregolare potete osservare altri segnali che vi aiuteranno ad orientarvi. Il primo è la qualità del muco cervicale, le cosiddette “perdite bianche”. Se la secrezione risulta filamentosa probabilmente siete nel vostro momento più fertile. L’altro metodo, più laborioso ma efficace è la misurazione della temperatura basale, cioè di quella del corpo al risveglio. Quando comincia l’ovulazione la temperatura infatti scende leggermente, indicando il periodo fertile.

Consigliati per te:
Corman S.P.A

Corman S.p.A Via liguria 3/B - 20084 Lacchiarella