Disturbi intimi

Cistite: come riconoscerla, da cosa deriva, come curarla

Fastidiosa. Spiacevole. Irritante. Cistite vaginale: un problema tanto noioso quanto diffuso.

19 Febbraio 2020

Fastidiosa. Spiacevole. Irritante. Cistite vaginale: un problema tanto noioso quanto diffuso. Molteplici i sintomi legati a questa malattia che sta a indicare un’infiammazione della vescica e si manifesta con diversi sintomi. È necessario imparare a riconoscerli e contrastarli. 

Come spesso succede in molti aspetti della vita il modo migliore per risolvere un problema è essere preparati sull’argomento che andiamo a trattare. 

Non esiste una soluzione universale per curare la cistite, per questo è molto importante catalogare i suoi sintomi e capire il perché si è manifestata l’infezione. Per riconoscerla ed etichettarla è necessario sapere: 

  •     Come si manifesta
  •     Cause della cistite
  •     Come si cura  
  •     Cosa mangiare  
  •     Cistite e rapporti sessuali

Cistite: come si manifesta

I sintomi della cistite sono facilmente associabili anche a molte altre infezioni vaginali ma ce ne sono alcuni associabili esclusivamente a questo disturbo che se sottovalutato può degenerare in malattie ben più difficili da curare.

Talvolta può anche esserci un aumento di temperatura corporea e quindi la febbre, in questo caso è possibile che l’infezione si sia propagata fino alle vie urinarie.   

Cistite: le cause scatenanti

Innanzi tutto è importante dire che molte donne sono più propense a contrarre infezioni vaginali e in generale quando le difese immunitarie sono basse sarà più facile imbattersi nella cistite.

La cistite è un’infezione di origine batterica, anche se a volte può rappresentare il campanello d’allarme per un danno o un’irritazione alla vescica.

Esistono molte cause che possono portare alla cistite, per questo spesso i medici chiedono di tenere un diario su cui vengono descritti i sintomi, per determinare la causa scatenante dell’infezione quindi decidere come curarla.

La cistite poi è spesso acuita dalla presenza dei germi dell’ultimo tratto dell’intestino, come l’Escherichia coli.

Le cause più comuni della cistite sono:

  • Alterazioni ormonali
  • Disidratazione
  • Rapporti sessuali
  • Saponi aggressivi 

Cistite: come si cura

Ci sono molti modi per velocizzare la guarigione, bere tisane, in particolare quelle a azione diuretica, potrà aiutare la disinfezione delle vie urinarie.

Non esiste una cura immediata per quest’ infezione che essendo di natura batterica ha come rimedio più efficiente una cura antibiotica, anche se prima di iniziarla sarà essenziale capire quale antibiotico scegliere a seconda del tipo di batterio responsabile dell’infezione. 

Ultimo fondamentale avviso: durante la cura della cistite è fondamentale mantenere un’igiene intima costante e meticolosa.

Cistite: cosa mangiare

Se si soffre di cistite è consigliabile evitare di bere bibite che possono irritare la vescica, come le bevande a base di caffeina, gassate e soprattutto le bevande alcoliche. 

Essendo spesso la disidratazione una delle cause più comuni di questa infezione è davvero importante bere molto. Mantenersi idratati è essenziale sia per prevenire che per curare la cistite (Almeno 6 bicchieri al giorno, di più se si pratica sport).

Tra gli alimenti consigliati spicca tra tutti il mirtillo rosso, un ottimo coadiuvante alle cure mediche, grazie alle proprietà antinfiammatorie e antiflogistiche. Oltre che essere riconosciuto come cura il mirtillo rosso è utile anche per prevenire le cistiti più recidive, in questo caso è possibile assumerlo sotto forma di succo.

Meno conosciuta ma altrettanto utile a combattere la cistite è l’uva ursina, soprattutto quando si tratta di cistite ricorrente. Facile da trovarne le foglie essiccate perfette per l’infuso.

Ci sono anche alcuni alimenti sconsigliati quando si ha la cistite, per esempio tutti i cibi spazzatura: niente fast-food, cibi fritti, insaccati e dolci. Prediligere invece frutta, verdura, cereali e legumi.

Cistite e rapporti sessuali

Fare sesso con la cistite è possibile ma non consigliato, in quanto il rapporto sessuale favorisce l’infezione laddove con la penetrazione si va a spremere alcune cellule con il forte rischio di liberare batteri che potrebbero causare infezioni, soprattutto se si è particolarmente predisposti. 

Non avere rapporti sessuali durante la cura della cistite sicuramente favorisce e accelera la totale guarigione ma è comunque possibile fare sesso se si seguono alcuni piccoli accorgimenti:

Sesso e cistite sono particolarmente connessi, per questo è importante seguire questi suggerimenti, qualora l’infezione persistesse sarà consigliabile rivolgersi al medico.

5
TIME

Per stare al meglio

Pelle sensibile?

Scegli un detergente intimo che ti garantisce protezione e delicatezza!

Trovali in farmacia

Disturbi alle vie urinarie?

Scopri l’efficacia di un integratore con ingredienti naturali!

Trovali in farmacia