Universo Mamma

Cosa indica la curva glicemica piatta in gravidanza?

Con la curva glicemica si misurano i valori di glucosio nel sangue e si possono scoprire problemi come il diabete gestazionale

La gravidanza è una fase della vita di una donna in cui l’organismo vive enormi cambiamenti, ai quali deve abituarsi in maniera graduale: il peso cambia, il fabbisogno nutrizionale è diverso, il corpo si modifica per accogliere e far sviluppare il feto. Proprio per queste piccole rivoluzioni a cui la donna va incontro è bene eseguire durante la gravidanza tutti gli esami raccomandati dai medici, al fine di mantenere in salute se stesse e il nascituro. Tra i vari test utili in gravidanza c’è quello della curva glicemica, conosciuto anche come curva da carico di glucosio, utile a monitorare la glicemia. Un valore che fa stare in pensiero le future mamme è quello della curva glicemica piatta, ma cosa significa esattamente?

Curva glicemica in gravidanza: quando si fa?

Se la donna non presenta particolari fattori di rischio, la curva glicemica si effettua tra la 25esima e la 28esima settimana di gestazione; in caso contrario può essere raccomandato anticipare una rilevazione tra la 16esima e la 18esima settimana, in particolare se la madre aveva il diabete già prima di rimanere incinta, se è obesa, se prende parecchio peso o se ha presentato diabete gestazionale in una gravidanza precedente. 

I fattori che predispongono al diabete gestazionale e che quindi spingono a effettuare il test della curva glicemica sono, insieme all’indice di massa corporea elevato, la sindrome dell’ovaio policistico, la familiarità al diabete, un’età superiore ai 35 anni e la provenienza da zone dove il diabete è particolarmente diffuso.

Irritazioni da assorbente?

Prova la delicatezza degli assorbenti in puro cotone!

Trovali in farmacia

Curva da carico di glucosio in gravidanza: come si esegue

La curva glicemica in gravidanza si esegue per verificare se è presente diabete gestazionale: misura infatti la quantità di zuccheri presenti nel sangue, la cui quantità, quando in eccesso, potrebbe procurare problemi alla madre e al bambino. 

La curva glicemica in gravidanza si esegue attraverso tre prelievi successivi, ripetuti nell’arco di due ore: uno a digiuno, gli altri dopo l’assunzione di una glucosata, una soluzione di acqua e zucchero con particolari percentuali. Dopo il primo prelievo, infatti, alla donna vengono fatti bere rapidamente 300 ml di acqua, in cui sono stati disciolti 75 grammi di zucchero; successivamente vengono fatti gli altri due prelievi, uno a distanza di un’ora, l’altro dopo due ore.

Cosa vuol dire curva glicemica piatta?

I valori ideali di glicemia riscontrati con i tre prelievi successivi dovrebbero essere:

  • inferiori a 92 mg/dl a digiuno
  • inferiori a 180 mg/dl dopo la prima ora
  • inferiori a 153 mg/dl al termine delle due ore

Come si può vedere, quindi l’andamento disegna una curva, che sale inizialmente e poi scende, per effetto del normale metabolismo dei carboidrati. In alcuni casi, però, la curva risulta alterata e appare come piatta, senza particolari oscillazioni, evidenza di un innalzamento della glicemia minimo. Un risultato di questo tipo non deve allarmare, perché non è necessariamente sintomo di diabete gestazionale, ma è un indicatore da tenere sotto controllo e sul quale confrontarsi con lo specialista che sta seguendo la gravidanza. Le cause della curva glicemica piatta possono essere molteplici, come l’iperinsulinemia o un’ipoglicemia reattiva.

Curva glicemica piatta in gravidanza: cosa fare?

Se dopo l’esame diagnostico l’esito è una curva glicemica piatta, non c’è da allarmarsi, quanto piuttosto fare attenzione e rivolgersi al proprio ginecologo. In ogni caso, non è bene trascurare questo risultato, perché alla lunga potrebbe provocare problemi alla donna in attesa e al bambino. Se infatti la prima sviluppa il diabete gestazionale, il piccolo potrebbe andare incontro a un’ipoglicemia neonatale, ma anche a macrosomia fetale, nascendo con un peso superiore ai 4 kg con non poche difficoltà per il parto. 

 

Un’ulteriore prima indagine da affiancare alla curva da carico di glucosio è la curva insulinemica, un test che permette di capire come agisce l’ormone insulina, legato alla presenza degli zuccheri. Questo esame è utile per vedere se si è affette per esempio da iperinsulinemia.

 

Con la curva glicemica piatta probabilmente lo specialista consiglierà una dieta a ridotto tenore glicemico, da seguire però secondo i suoi consigli, perché una donna incinta ha comunque necessità di un certo numero di calorie e non è questo il momento per diete dimagranti o drastiche, in quanto c’è il rischio che vengano a mancare nutrienti importanti per lo sviluppo del feto, come l’acido folico. La dieta per la curva glicemica piatta vedrà quindi alimenti poveri di zuccheri semplici, che invece è meglio assumere solo ai pasti principali o associati a carboidrati complessi. Non digiunare mai a lungo e fai spuntini equilibrati tra un pasto e l’altro. 

Un’altra cosa da fare se la curva glicemica è piatta è evitare la sedentarietà: un po’ di attività fisica, purché non intensa, è possibile in gravidanza. Una camminata di mezz’ora al giorno o della ginnastica leggera come lo yoga sono infatti un buon modo per mantenersi in movimento e dare un contributo positivo all’umore.

5
TIME

Per stare al meglio

Irritazioni da assorbente?

Prova la delicatezza degli assorbenti in puro cotone!

Trovali in farmacia

Stanca dei compromessi?

Scopri gli assorbenti Lady P, pura protezione per te e per l’ambiente!

Trovali in farmacia

Per approfondire