Universo Mamma

Maternità: non capisco perché il mio bambino piange

Cosa fa una #ladymamma ad alto contatto? Cerca di assecondare la natura, i bisogni dei suoi bambini e quell’istinto naturale che è dentro ognuno di loro.

1 Ottobre 2018

Irritazioni da assorbente?

Prova la delicatezza degli assorbenti in puro cotone!

Trovali in farmacia

I bambini piccoli piangono e lo fanno per vari motivi: caldo, fame, pannolino bagnato, sonno oppure se sono scomodi. Le motivazioni sono tante e mamma e papà devono abituarsi al pianto e a cosa significa.

Il pianto, per il bambino piccolo, è una forma di comunicazione. Noi parliamo, usiamo differenti toni di voce, loro invece piangono. Anche loro però lo fanno in modo diverso a seconda del tipo di richiesta.

Se però un bambino ha mangiato, ha dormito, è pulito ma continua a piangere… Allora che cos’è? Cosa non va? Come interpretare il suo pianto? Anche quel pianto risponde a un bisogno ben preciso, un bisogno insito in ognuno di noi: quello del contatto. Del resto non è un mistero che i bambini vogliano stare sempre in braccio alla mamma.

Il “contatto pelle a pelle” con la mamma è fondamentale per i neonati. Le fasce portabebé sono un valido aiuto che le mamme utilizzano sempre più spesso. Ma quali sono i vantaggi?

L’uso della fascia portabebè, che ancor più del marsupio “fonde” in un’unica persona la mamma e il bambino, viene altamente consigliato con i bimbi prematuri perché si è visto che i neonati che stanno a stretto contatto con la mamma, si fortificano più velocemente. La fascia, in fondo, è un po’ come continuare la gravidanza anche dopo la nascita del piccolo (la famosa esogestazione). Il babywearing – così si trova spesso in internet – è proprio uno dei capisaldi del maternage ad alto contatto.

Ma più precisamente, cosa significa essere genitori ad alto contatto? È un po’ il ritorno alle origini, quando le donne stavano a casa e avevano molto tempo da dedicare ai propri figli, ragion per cui li allattavano molto più a lungo.

Anche l’allattamento prolungato sta tornando di moda, se così si può dire, dopo il boom del latte artificiale degli anni passati. Chi è nato negli anni 70-80 è probabile che sia stato cresciuto con il latte in polvere, una scoperta dell’epoca che si pensava essere più nutriente del latte di mamma. Poi si è capito che le cose non stanno proprio così.

Alcuni genitori praticano anche il co-sleeping, ovvero dormire insieme ai loro bambini. È una pratica amata da alcuni, ma non è per tutti. I genitori devono capire qual è la soluzione più confortevole per loro e per il piccolo, che sia ad alto contatto o meno.

5
TIME

Per stare al meglio

Irritazioni da assorbente?

Prova la delicatezza degli assorbenti in puro cotone!

Trovali in farmacia

Stanca dei compromessi?

Scopri gli assorbenti Lady P, pura protezione per te e per l’ambiente!

Trovali in farmacia