Migliora la circolazione, rinforza i muscoli del pavimento pelvico, ricarica le difese dell’organismo. Ma lo yoga può anche aiutare a prevenire le infezioni delle vie urinarie, scopri quali esercizi fare.

Risolvere le infezioni ricorrenti delle vie urinarie con lo yoga? Cosa possono avere in comune una disciplina antica come lo yoga, che combina esercizi di postura e stretching con la meditazione, e le infezioni delle vie urinarie che possono colpire sia uomini che donne di ogni età?

Chi è soggetto a cistite e uretrite ricorrenti sa che queste infezioni sono difficili da debellare. La cistite tende a ritornare, in alcuni casi più volte in un anno, provocando bruciore e minzione frequenti tanto da condizionare la vita di tutti i giorni e, a volte, senza che una terapia possa portare a risoluzione del problema. Allora quello che bisogna fare è un passo in più rispetto al solo trattamento quando i sintomi sono ormai presenti e agire di prevenzione andando a rinforzare le vie urinarie, rendendole “inattaccabili”. Come? Ad esempio, si può correggere il proprio stile di vita scegliendo di bere più acqua, indossare abiti comodi e intimo di cotone, favorire la regolarità intestinale adottando un’alimentazione più ricca di frutta e verdura e facendo attività fisica. E qui si inserisce lo yoga.

Prevenire le infezioni delle vie urinarie: i benefici dello yoga

La maggior parte delle infezioni alle vie urinarie sono causate da batteri e funghi che dall’area vaginale o rettale si spostano verso l’uretra, quel tubicino molto sottile da cui esce la pipì, risalendo fino alla vescica. Una volta arrivati in vescica, i batteri si attaccano alla mucosa che riveste le pareti interne e si moltiplicano in modo incontrollato, dando vita all’infiammazione. Batteri e funghi si possono combattere attraverso strategie yoga che migliorano lo stato di salute delle vie urinarie, attraverso tre principi:

  • Rafforzamento del pavimento pelvico. I muscoli del pavimento pelvico hanno la funzione di sostenere gli organi della parte bassa quali vagina, utero, vescica, ano e retto. Quando questi muscoli si indeboliscono possono verificarsi dolori, stati infiammatori e spostamento verso il basso degli organi (prolassi) che alterano la loro normale funzionalità. Nella vescica, ad esempio, l’urina può ristagnare e favorire la crescita dei batteri e la comparsa di una infezione delle vie urinarie. Alcuni esercizi yoga sono mirati ad aumentare il tono muscolare della zona pelvica per mantenere la normale funzionalità delle vie urinarie.
  • Aumento della circolazione pelvica. La pratica yoga ha lo scopo di riequilibrare l’energia all’interno del corpo, cominciando dalla circolazione sanguigna che è responsabile dell’apporto di ossigeno e nutrienti e della raccolta delle sostanze da eliminare dall’organismo. Una buona circolazione sanguigna a livello pelvico migliora il tono del tessuto urinario e genitale, liberando vescica e uretra da ospiti indesiderati come batteri e funghi.
  • Potenziamento delle difese dell’organismo. Lo stress quotidiano indebolisce le difese naturali dell’organismo compresa la flora batterica intestinale e vaginale. In questo modo, batteri e funghi nocivi sono liberi di moltiplicarsi e di raggiungere le vie urinarie, dove danno vita indisturbati all’infiammazione. Lo yoga è un momento di rilassamento mentale in cui si mettono da parte le preoccupazioni e i problemi quotidiani, un vero e proprio momento di rinforzo delle proprie difese immunitarie.

Tappetino da yoga viola

 

 

Le principali posizioni yoga per il benessere delle vie urinarie

Tra le tante posizioni yoga (asana) ce ne sono tre comunemente consigliate e senza dubbio efficaci. Si tratta di posizioni semplici e alla portata di tutti che, se fatte regolarmente, sono un toccasana per le vie urinarie. Come si dice in questi casi: provare per credere!

  • La posizione del gatto (Marjariasana). Posizionati a quattro zampe, con i palmi delle mani e le ginocchia poggiate sul pavimento e i piedi allineati con la schiena, che sarà ben tesa. Inspirando, inarca la schiena spingendo la pancia verso il basso e sollevando collo e testa verso il soffitto. Quindi soffia fuori l’aria e spingi la schiena verso l’alto, creando una sorta di ponte con la testa tra le braccia, avvicinando il mento al petto e allo stesso tempo contraendo i muscoli addominali. Ripeti il movimento completo per 5 volte.
  • Posizione del cobra (Buhjangasana). Sdraiati a pancia sotto, gambe unite, con la fronte che tocca il pavimento, le bracciapiegate all’altezza del busto e i palmi delle mani verso terra. Lentamenteinspirasollevando prima la testa e poi la schiena, mentre bacino e gambe restano aderenti a terra. Sostenendoti sulle braccia, inarca dolcemente la colonna vertebrale, sollevando la testa proprio come se fossi un cobra, senza forzare. Tieni la posizione per 5 respirazioni profonde e complete. In questo tempo sentirai la muscolatura del ventre ben aderente al suolo. Ritorna quindi lentamente nella posizione iniziale  Rilassa le braccia, riposa qualche secondo e ripeti l’esercizio per altre 2-3 volte.
  • Posizione del ciabattino disteso (Supta Baddha Konasana). Siediti con le gambe distese davanti a te, i piedi a martello e le mani appoggiate sulle cosce. Piega le ginocchia verso di te, unendo le piante dei piedi, avvicina i talloni al bacino. Respirando profondamente, mantieni per qualche secondo questa posizione cercando di sciogliere quanto più possibile il bacino e la muscolatura delle cosce in modo che le ginocchia scendano verso il pavimento. A seguire piega la schiena all’indietro appoggiandoti sui gomiti e distenditi completamente a terra, portando le mani sull’addome e mantenendo sempre le ginocchia aperte e le piante dei piedi attaccate. Inspira ed espira profondamente per 4-5 volte, poi porta le braccia in alto e cerca di unirle sopra la testa, congiungendo le mani come in una preghiera. Mantieni la posizione per qualche secondo, e poi, lentamente, rifai tutte le posizioni al contrario fino a ritornare a quella di partenza.

Per un risultato ottimale in termini di rafforzamento della muscolatura pelvica e dell’apparato uro-genitale, dedica 15-20 minuti al giorno a questi esercizi yoga. Ne vale la pena perché oltre a prevenire cistiti e uretriti, queste pratiche sono estremamente rilassanti, che non guasta mai!

Corman S.P.A

Corman S.p.A Via liguria 3/B - 20084 Lacchiarella

Iltuouniversodonna.it è il sito promosso da Corman rivolto alle donne, con l'obbiettivo di diffondere una vera cultura del benessere femminile.