Allattare il tuo bambino al seno ti chiede un ulteriore sforzo di attenzione. Ma quali cibi evitare in allattamento? Facciamo un po’ di chiarezza su cosa sia meglio evitare.

Durante la Gravidanza e l’allattamento una delle cose più difficili non è la privazione del sonno, il senso normale di inadeguatezza e l’adattamento a una nuova incredibile relazione. No. Sono I CONSIGLI DI AMICI E PARENTI. Ognuno ci dice la sua, e ognuno improvvisamente diventa espertissimo in campo materno. Specie in quello alimentare. Ma come districarsi tra leggende e tradizioni? Vediamo un po’ cosa dice la scienza.

PERCHÉ ALCUNI CIBI VANNO EVITATI?

Per un neonato l’allattamento al seno fornisce tutto ciò che serve per crescere. Per questo motivo è necessario che la mamma si preoccupi di fornirgli il miglior latte possibile. Problemi nella produzione di latte o nella qualità del latte possono ricadere sul bambino, sulla sua salute e sul suo sviluppo. I problemi legati al latte materno sono sostanzialmente di due tipi:

  • problemi nella composizione del latte che possono causare carenze nutrizionali nel bambino oppure danneggiare la sua salute
  • cambiamento del sapore del latte che può portare il bambino a rifiutarlo

COSA MANGIARE IN ALLATTAMENTO

La dieta in allattamento a prova di neonato non è proprio uguale per tutte, anche se ci sono alcune regole di base universali. Le mamme devono mangiare, e devono mangiare spesso (si consigliano 6 pasti al giorno) per favorire la produzione di latte, quindi niente diete drastiche o pochi pasti. Il grasso che accumuliamo in gravidanza non serve per gestire le esigenze del bambino durante la gestazione ma dopo! Proprio nella fase dell’allattamento al seno.

Gli alimenti ideali da assumere durante l’allattamento sono quelli che contengono i nutrienti fondamentali per far crescere bene i nostri piccoli come amminoacidi, vitamine, sali minerali e grassi insaturi.

I CIBI DA EVITARE IN ALLATTAMENTO

Una doverosa premessa riguarda la conservazione e la provenienza degli alimenti. Indipendentemente dal fatto che siano indicati o meno in allattamento gli alimenti che la mamma assume devono essere di provenienza certa e ben conservati.

Per esplorare gli alimenti out abbiamo raccolto alcune domande frequenti tra le nostre mamme:

Si può mangiare l’anguria in allattamento?

Si dice che l’anguria possa produrre gas e di conseguenza coliche del neonato. Ma non sembrano esserci evidenze su questo tema né tutte le mamme sperimentano questi sintomi. L’anguria è ricca di minerali e può tranquillamente essere consumata. Tuttavia molte donne la trovano poco digeribile, in quel caso la prima a stare bene deve essere la mamma!

E il melone?

Stessa cosa dell’anguria.

C’è della frutta da evitare in allattamento?

L’unica frutta da moderare in allattamento sono le fragole e la frutta secca perché fanno parte della lista degli alimenti allergizzanti che va assunta con cautela.

Si può mangiare il sushi in allattamento?

Certo, basta stare molto attente alla qualità del pesce.

Si possono mangiare i funghi in allattamento?

I funghi potrebbero conferire un sapore al latte sgradito al bambino, ma anche in questo caso si può fare un test e valutare le conseguenze. In generale, meglio evitare di assumere funghi di cui non sia stata certificata la provenienza.

È consentito lo zenzero in allattamento?

Così come le spezie particolarmente forti e certi tipi di erbe aromatiche (come ad esempio il coriandolo) si tratta di sostanze che possono modificare il gusto del latte.

E se bevo una birra in allattamento?

L’alcol è una delle sostanze più nocive in assoluto per i neonati perché passa direttamente dalla mamma al latte e può causare seri problemi allo sviluppo del bambino. Un bicchiere di vino ogni tanto non guasta ma che la birra “faccia latte” è proprio solo una leggenda.

È vero che non si devono mangiare gli asparagi in allattamento?

Come i già citati funghi e le spezie, insieme ai broccoli, le cipolle, l’aglio, gli asparagi, i cavoli, i carciofi fa parte della lista degli alimenti dal sapore problematico. Meglio moderarli.

I crostacei in allattamento possono causare allergie?

Sì, in qualità di alimenti istamino liberatori così come i molluschi, possono innescare una risposta allergica.

Consigliati per te:
Corman S.P.A

Corman S.p.A Via liguria 3/B - 20084 Lacchiarella