Un ritardo nel ciclo mestruale, improvvisa stanchezza e altri segnali che possono indicare che forse potresti essere incinta.

Riconoscere i sintomi di una gravidanza prima di fare il test non è affatto semplice. A differenza di quanto si pensi (e di come ci hanno abituato gli sceneggiatori di cinema e TV) non tutte le donne iniziano ad avere le leggendarie nausee mattutine dal giorno dopo il concepimento.

OGNUNA HA I SUOI SINTOMI

I segnali di dolce attesa possono variare molto da donna a donna sia per tipo che per intensità. Tuttavia, molte già dalle prime fasi sperimentano:

  • Sensibilità agli odori
  • Seno teso e gonfio
  • Nervosismo e irritabilità
  • Senso di fame
  • Spossatezza
  • Dolori alla pancia
  • Mal di testa
  • Piccole perdite

Molti di questi segnali possono essere confusi con i normali sintomi premestruali altri invece sono più particolari.

QUESTIONE DI ORMONI

La responsabilità di molti di questi sintomi è ovviamente degli ormoni. Le variazioni ormonali danno il via a tutti i processi fisiologici che preparano il corpo della mamma a ospitare il nascituro. I cambiamenti cominciano subito dopo il concepimento per agevolare l’impianto dell’ovulo nell’utero e innescare la gestazione. L’ormone della gravidanza per eccellenza HCG con estrogeni e progesterone inizia a essere prodotto molto presto dopo il concepimento con una crescita regolare ogni 48 ore.

SBALZI DI UMORE

Uno dei primi sintomi che spesso accompagna tutta la gravidanza è legato all’emotività. Già dai primi giorni ci si sente ipersensibili e volubili nelle reazioni o vittime di un certo immotivato nervosismo. Questi sintomi non sono particolarmente indicativi, queste oscillazioni emotive le conoscono molte donne già nella fase pre-mestruale e a volte ci sono ragioni reali per essere particolarmente nervose.

IPERSENSIBILITÀ A ODORI E SAPORI

Gli ormoni sono anche responsabili di un altro tipo di ipersensibilità, quella agli odori e ai sapori. Molte donne riferiscono fin dai primi stadi della gravidanza di aver avuto reazioni insolite a cibi odori o profumi che consideravano abituali. Fanno parte di questo gruppo di segnali anche le cosiddette “voglie” e l’improvviso desiderio di cibi particolari.

CAMBIAMENTO DEL SENO

Un altro sintomo tipico è la percezione di una certa tensione al seno, a volte anche dolorosa, dovuta alla produzione di progesterone che stimola l’ingrossamento della ghiandola mammaria in vista della produzione di latte.

DOLORI ALLA PANCIA

Il concepimento vero e proprio dove spermatozoo e uovo si incontrano avviene all’interno di una delle tube di Falloppio. L’embrione (ancora piccolissimo) inizia così un viaggio che lo porterà nel giro di qualche giorno a innestarsi nella cavità dell’utero. L’annidamento dell’uovo fecondato potrebbe “irritare” l’utero che contraendosi potrebbe provocare qualche dolore al basso ventre.

Questi cosiddetti “crampi da impianto” sono molto comuni ma anche decisamente simili ai dolori normali del periodo pre-mestruale, per questo non sono un sintomo particolarmente riconoscibile o indicativo di una gravidanza.

STANCHEZZA

Molte neomamme riferiscono già dai primi giorni la sensazione di una profonda stanchezza, la cosiddetta “astenia”, e di una generale mancanza di energie nello svolgere le attività normali. A volte più blandi, questi sintomi possono tradursi in un senso di permanete sonnolenza, come se fosse facile addormentarsi in qualsiasi posto. Anche questo sintomo è da imputare agli ormoni che inducono il corpo a rallentare i suoi ritmi complessivi per agevolare i cambiamenti della gravidanza che richiedono un grande dispendio di energie da parte di tutto il sistema. Il rilassamento dei muscoli in particolare, è una strategia dell’organismo per evitare di indurre le contrazioni dell’utero che potrebbero causare l’espulsione precoce dell’embrione. Questa complessiva distensione interessa anche la muscolatura dei vasi sanguigni periferici del corpo che rilassandosi dilatano i vasi stessi causando un abbassamento della pressione. Si spiegano così i giramenti di testa e gli svenimenti che molte donne lamentano con una certa dose di apprensione nei primi mesi della gravidanza.

PERDITE

Può succedere che nel primo periodo dopo il concepimento si verifichino delle piccole perdite, generalmente di colore scuro o molto chiaro. Si tratta delle cosiddette “perdite da impianto” causate dallo sfaldamento di parte dell’endometrio in corrispondenza dell’area dove si annida l’ovocita fecondato. Anche su questo sintomo bisogna andarci con i piedi di piombo, ci sono molte altre ragioni alla base della comparsa di perdite anche lontane dalle mestruazioni.

NECESSITÀ FREQUENTE DI URINARE

Anche una certa frequentazione assidua della toilette può inserirsi nel quadro dei sintomi della gravidanza. Quel rilassamento muscolare cui si accennava poco fa è in grado di influenzare anche i muscoli della vescica e la loro capacità di trattenere la pipì. Occhio però a non confondere questo sintomo perché potrebbe anche avere tutta un’altra causa.

LA BELLEZZA, NON È UNA LEGGENDA!

Molte donne pensano che la radiosità delle donne in gravidanza sia solo una diceria (o una frase consolatoria per chi si sente improvvisamente cambiata profondamente di aspetto) ma potrebbe non essere così. I cambiamenti ormonali tipici della gravidanza hanno molti effetti positivi sul corpo di una donna così come accade nei giorni dell’ovulazione: la pelle si arricchisce di collagene che la rende più turgida ed elastica, i capelli si lucidano naturalmente per merito degli estrogeni, il seno si riempie e si appare complessivamente più rilassate, forse il vostro corpo vuole premiare questo grande e bellissimo sforzo e dirvi che sarete davvero delle bellissime mamme!

Consigliati per te:
Corman S.P.A

Corman S.p.A Via liguria 3/B - 20084 Lacchiarella